Quasi vegetariano

Insalata di Polpo

Insalata di Polpo

Ciao, sono stata da mamma e tra i suoi piatti l’Insalata di Polpo è la mia preferita. Quindi ho deciso di scrivere la ricetta e togliere i dubbi su: come mantenere il polpo morbido dopo cottura.

INGREDIENTI

Insalata di Polpo

1 POLPO 

2 CUCCHIAI DI OLIO EVO

2 SPICCHI DI AGLIO

1 LIMONE

PREZZEMOLO

COSA SERVE

PENTOLA ALTA  – SCODELLA – COLTELLO – 

PROCEDIMENTO

  • Pulite il polpo privandolo delle interiora all’interno della sacca del corpo
  • Portate l’acqua a bollore 
  • Aggiungete il polpo
  • Cotto il polpo fatelo freddare in acqua di cottura
  • Scolate il polpo
  • Bagnatelo di acqua fredda
  • Tagliatelo partendo dai tentacoli e dividete la parte centrale del corpo
  • Aggiungete il prezzemolo 
  • Sminuzzate l’aglio
  • Unite l’olio
  • Tagliate a metà il limone e spremetelo
  • Amalgamate gli ingredienti dell’insalata di polpo

Il polpo rimarrà morbido. 

Il pescato di giornata va cotto subito.

Acquistato congelato va cotto ancora congelato.

Il taglio variatelo secondo vostro gusto.

Ricetta di mamma.

Anche questa estate nonostante il periodo difficile siamo riuscite a stare qualche giorno insieme. So che mi leggi e ti voglio dire: Grazie Mamma perchè mi sopporti sempre! Ti voglio bene! Sei la mia forza!

IL TUO QUADERNO DI CUCINA è il racconto di ricette che ti accompagna nelle tue preparazioni. Semplice e utile, trovi i consigli ideali per una buona cucina. Clicca sul link per trovare gli store.

A presto 

Rigatoni al profumo di salvia con pesto di ricotta e melanzane

Rigatoni al profumo di salvia con pesto di ricotta e melanzane

Rigatoni al profumo di salvia con pesto di ricotta e melanzane

INGREDIENTI PER DUE PORTATE

300 GR DI MELANZANE 

300 GR DI RICOTTA DI PECORA

4 CUCCHIAI DI OLIO EVO

5 FOGLIE DI BASILICO

160 GR DI RIGATONI

FORMAGGIO DA GRATTUGIARE

FOGLIE DI SALVIA

SALE

COSA SERVE

Coltello – Pentola –  Padella –  Schiumarola – Mixer ad immersione – Piatto piano

PROCEDIMENTO

  • Pulite le melanzane privandole del gambo e della buccia.
  • Tagliatele a metà, dividi la metà e tagliatele a cubetti.
  • Versate in padella 2 cucchiai di olio evo e le melanzane.
  • Cuocete a fuoco basso, se le melanzane tendono ad asciugarsi durante la cottura aggiungete acqua.
  • A fine cottura salate
  • Versate la ricotta nel bicchiere del mixer ad immersione o in un contenitore con i bordi alti
  • Aggiungete 2 cucchiai di olio evo
  • Aggiungete le foglie di basilico
  • Frullate con il mixer ad immersione
  • Aggiungete le melanzane
  • Frullate con il mixer
  • Versate il contenuto nella padella in cui avete cotto le melanzane
  • Nell’acqua di cottura dei rigatoni aggiungete due foglie di salvia, fate bollire
  • Cuocete i rigatoni
  • Ricordate di salare
  • Scolate i rigatoni con una schiumarola
  • Poneteli nella padella in cui avete cotto le melanzane
  • Unite un terzo del pesto di ricotta e melanzane
  • Servite in piatto fondo 
  • Ponete sul fondo del piatto il pesto di ricotta e melanzane
  • Aggiungete i rigatoni
  • Completate il piatto con le foglie di salvia
  • Finite il piatto con una spolverata di formaggio da grattugiare
Rigatoni al profumo di salvia con pesto di ricotta e melanzane

Rigatoni al profumo di salvia con pesto di ricotta e melanzane

Riso integrale e Fagioli

Riso integrale e Fagioli

Ciao a tutti, cuciniamo, Riso integrale e Fagioli.

INGREDIENTI PER DUE PORTATE

Riso integrale e Fagioli

200 GR DI FAGIOLI CANNELLINI

SPICCHIO DI AGLIO

1 COSTA DI SEDANO

1 PEPERONCINO PICCANTE (FACOLTATIVO)

2 CUCCHIAI DI OLIO EVO

SALE

200 GR DI RISO INTEGRALE

COSA SERVE

2 PENTOLE – PIATTO FONDO

PROCEDIMENTO

  • In pentola versate i fagioli, ricopriteli d’acqua.
  • Aggiungete l’aglio, il sedano e il peperoncino sminuzzato.
  • Fate cuocere.
  • A fine cottura salate e aggiungete l’olio.
  • Cuocete il riso in acqua bollente, salate.
  • A fine cottura scolate.
  • Unite i fagioli al riso integrale.
  • Servite in piatto fondo.

Riso integrale e Fagioli

Riso integrale e Fagioli

Tortino di Friarielli

Tortino di Friarielli

Ciao a tutti, oggi piatto tutto vegetariano Tortino di Friarielli.

INGREDIENTI PER DUE PORZIONI

300 GR DI FRIARIELLI

200 GR DI FAGIOLI CANNELLINI

180 GR DI RISO INTEGRALE

1 PEPERONCINO ROSSO (FACOLTATIVO)

1 SPICCHIO DI AGLIO

5 CUCCHIAI DI OLIO EVO

META’ COSTA DI SEDANO

SALE

COSA SERVE

2 PENTOLE – PENTOLA ALTA – PIATTO FONDO – ANELLO TORTINO ROTONDO – SCHIUMAROLA – SCODELLA

PROCEDIMENTO

PREPARAZIONE FRIARIELLI

  • Pulite la verdura, togliete le foglie dure, intaccate il gambo se risulta duro. Sciacquatele sotto l’acqua fredda.
  • Mettete in pentola alta con acqua fredda. Cuocete. A fine cottura salate.
  • Con la schiumarola togliete la verdura e ponetela in una scodella. Fate freddare.
  • Aggiungete 2 cucchiai di olio evo.
  • Conservate l’acqua di cottura dei Friarielli.

PREPARAZIONI FAGIOLI

  • Mietete in pentola i fagioli con acqua
  • Aggiungete il sedano, l’aglio e il peperoncino sminuzzato
  • Cuocete. A fine cottura salate. Aggiungete 2 cucchiai di olio evo.

PREPARAZIONE RISO INTEGRALE

  • Bollite l’acqua di cottura dei Friarielli
  • Cuocete il riso
  • Salate

PREPARAZIONE TORTINO

  • Ponete l’anello a tortino al centro del piatto.
  • Componete il tortino stratificando:
  1. Fondo di foglie Friarielli
  2. 2 Cucchiai di fagioli
  3. Ciuffi di Friarielli
  4. 2 Cucchiai di riso integrale
  5. 2 Cucchiai di Friarielli e fagioli uniti
  6. Completate con un cucchiaio di olio evo

Tortino di Friarielli

Tortino di Friarielli

Minestrone

Minestrone

Ciao, cuciniamo il minestrone. Di seguito tutti gli ingredienti che ho utilizzato. Se non li avete tutti, niente paura, il minestrone potete realizzarlo ugualmente, vi consiglio di raddoppiare la quantità di patate e pomodoro.

INGREDIENTI PER DUE PORTATE

50 GR DI PATATE

2 CAROTE

100 GR DI ZUCCA

50 GR DI FAGIOLI BIANCHI – CANNELLINI

1 COSTA DI PORRO

50 GR DI FAGIOLINI

3 POMODORI

50 GR DI PISELLI

50 GR DI ZUCCHINE

100 GR DI VERZA

1 CIPOLLA ROSSA DI TROPEA

1 COSTA DI SEDANO

BASILICO

PREZZEMOLO

SALE

2 CUCCHIAI DI OLIO EVO

COSA SERVE

Pentola alta – Coltello – Piatto piano

PROCEDIMENTO

  • Tagliate gli ortaggi e le verdure, poneteli in pentola con acqua fredda.
  • Fate cuocere.
  • A fine cottura salate e aggiungete l’olio evo.
  • Servite il minestrone.

Minestrone

IL TUO QUADERNO DI CUCINA DI GRAZIELLA SORIANO

Bucatini al guazzetto di Sardine

Ciao altro piatto da aggiungere al menù di Natale o ai vostri secondi piatti. Bucatini al guazzetto di Sardine.

INGREDIENTI PER DUE PORTATE

160 GR DI BUCATINI

200 GR DI SARDINE

3 CUCCHIAI DI OLIO EVO

1 SPICCHIO DI AGLIO

10 POMODORINI CILIEGINO

CIUFFI DI PREZZEMOLO

SALE

COSA SERVE

PADELLA – PENTOLA – PIATTO FONDO

PROCEDIMENTO

  • In padella metti 2 cucchiai di olio, l’aglio sbucciato, i pomodorini, qualche ciuffo di prezzemolo, le sardine.

Bucatini al guazzetto di Sardine

  • Aggiungi due bicchieri d’acqua della capacità di 400 ml.
  • Cuoci il guazzetto per 15 minuti
  • Cuoci i bucatini in acqua bollente
  • Unisci i bucatini al guazzetto
  • Posiziona al centro del piatto i bucatini avvolgendoli nel forchettone e appoggiandoli delicatamente. Contorna il piatto con le sardine e i pomodorini, Condisci con il guazzetto. Fai scendere delicatamente l’olio sui bucatini. Completa con un ciuffo di prezzemolo.

Bucatini al guazzetto di Sardine

Bucatini al guazzetto di Sardine

Semplice veloce e ottimo

Gnocchi al profumo d'inverno

Gnocchi al profumo d’inverno

Ciao, oggi metto in tavola un pò di sapori inverno autunno e aggiungo la pasta fatta in casa, ho creato gli Gnocchi al profumo d’inverno. E’ un’idea che accompagna anche chi è vegetariano. Seguimi.

INGREDIENTI PER DUE PORTATE

250 GR DI GNOCCHI Per ottenerli ti lascio sia qui ( clicca la porola Gnocchi),  che a fine ricetta il link su come lavorarli 

200 GR DI FUNGHI MISTI

1 CIPOLLA DI TROPEA

100 GR DI CAROTE

 2 CUCCHIAI DI OLIO EVO

BASILICO

1 PEPERONCINO PICCANTE

SALE

COSA SERVE

2 PENTOLE – PIATTO FONDO – GRATTUGIA

PROCEDIMENTO

Ottenuti gli Gnocchi  prepariamo il soffritto.

In pentola versate l’olio e  la cipolla sminuzzata. Pulite le carote, grattugiatele e unitele. Sminuzzate il peperoncino aggiungetelo.

Soffriggete un paio di minuti, versate i funghi e il basilico sminuzzato. Lasciate cuocere a fuoco basso controllando che non si asciughino, nel caso aggiungete acqua durante la cottura.

Gnocchi al profumo d’inverno

In acqua bollente leggermente salata cuocete gli gnocchi, saranno pronti quando saliranno a galla. Una volta cotti prendeteli con la schiumaiola dalla pentola e versateli nel soffritto, mantecate a fuoco basso.

Servite in piatto piano gli Gnocchi al profumo d’inverno

Come vi dicevo ad inizio ricetta, vi riporto nuovamente il link di come ottenere gli Gnocchi, (basterà cliccare sulla parola o sull’immagine che vedi sotto)

E’ un’idea da servire durante le festività natalizie, non tutti mangiamo il pesce!

Buon appetito

Ricetta Gnocchi
Vellutata di zucca e pollo

Vellutata di zucca e pollo

Ciao a tutti, sfruttiamo il sapore degli ortaggi per preparare la vellutata di zucca e pollo.

INGREDIENTI PER DUE PORTATE

200 GR DI ZUCCA

1 CIPOLLA ROSSA DI TROPEA

2 SOPRACOSCE DI POLLO

PREZZEMOLO

1 CUCCHIAIO DI OLIO EVO

2 CUCCHIAI DI PECORINO GRATTUGIATO (se non è di vostro gradimento aggiungete il formaggio che più vi piace)

SALE

COSA SERVE

Pentola alta – Frullatore ad immersione – Piatto fondo –

PROCEDIMENTO

Mettete in pentola: la zucca, la cipolla, il prezzemolo e il pollo. Cuocete. a fine cottura salate.

Togliete dalla pentola le sopracosce, disossatele. Sfilacciate la carne.

Riducete con il mixer gli ortaggi, aggiungete l’olio e il pecorino / formaggio grattugiato.

Versate in piatto la vellutata e appoggiate i filetti di pollo.

Vellutata di zucca e pollo

Vellutata di zucca e pollo

La Vellutata la puoi servire anche fredda.

La aggiungo al menù di natale e al cenone di fine anno è un’idea  semplice leggera e riscalda in questo periodo freddo. 

 

Aggiungi la ricetta a 

Clicca sul link e aggiungi il libro alla tua libreria di cucina

Risotto Zucca e Funghi

Risotto Zucca e Funghi

Dal sapore delicato della zucca e il contrasto dei funghi otteniamo Risotto Zucca e funghi

INGREDIENTI DUE PORTATE

160 gr di Riso per risotto

200 gr di Funghi misti

200 gr di Zucca

50 gr di Formaggio grattugiato (consiglio formaggio pecorino)

1 spicchio di Aglio

Prezzemolo

2 cucchiai di Olio evo

3 litri di Acqua naturale

25 gr di Burro

Sale

COSA SERVE

Pentola bassa – Padella – Piatto piano o fondo

PROCEDIMENTO

  • Versate in padella l’olio, l’aglio sbucciato, sminuzzate il prezzemolo, aggiungete i funghi e la zucca.
  • Cuocete, a fine cottura salate
  • Bollite l’acqua.
  • In pentola bassa sciogliete il burro.
  • Aggiungete il riso, fatelo tostare leggermente.
  • Aggiunge metà dell’acqua che avete bollito. Ultimate la cottura. Se l’acqua si dovesse ridurre aggiungetene.
  • Tempo di cottura riso, 20 minuti.
  • A fine cottura salate e unite il formaggio grattugiato. Mescolate.
  • Unite i funghi trifolati.

Altre ricette così sfiziose le trovi  in

Cercalo in libreria e online. Lettura semplice da condividere.

Risotto Zucca e Funghi

Risotto Zucca e Funghi

Melanzane svuotate ripiene

Melanzane svuotate ripiene

Ciao a tutti, oggi cuciniamo le Melanzane svuotate ripiene. La ricetta tradizionale segue il procedimento di tagliare a barchetta la melanzana, ovvero dividerla a metà, togliere la polpa e ottenuto l’impasto riempirla. Ho voluto “sperimentare” un nuovo modo di svuotare la melanzane, e ho ricavato una tasca da riempire. Il risultato finale mi ha dato un piatto ottimo da servire sia caldo che freddo.

Ho deciso di inserirlo nei “Comfort food” della mia cucina e dirvi di aggiungerlo a “IL TUO QUADERNO DI CUCINA” , che vi ricordo trovate in libreria o contattandomi.

Seguite la ricetta

INGREDIENTI PER TRE PORTATE

6 MELANZANE VIOLA

1 UOVO

150 GR DI PROVOLA 

100 GR DI PROSCIUTTO COTTO  A FETTE

100 GR DI FORMAGGIO GRATTUGIATO

1 SPICCHIO DI AGLIO

PANGRATTATO

BASILICO

SALVIA

SALE

OLIO EVO

CONSERVA DI POMODORI se clicchi trovi la ricetta di come fare la conserva di pomodori senza metterla in bottiglia

COSA SERVE

PENTOLA – PIROFILA – SVUOTA POLPA – COLTELLO – PIATTO PIANO

PROCEDIMENTO

Procedimento preparazione tasca melanzane

Pulite le melanzane e privatele del gambo. Togliete la polpa aiutandovi con il leva polpa, abbiate cura di non rompere l’esterno della melanzana. In pentola mettete le melanzane e la polpa a lessarsi. Una volta pronte scolatele e lasciatele un paio di minuti nello scolapasta in modo che coli l’acqua in eccesso. Dividete la polpa dalle melanzane. 

Procedimento preparazione ripieno melanzane

Riducete la polpa di melanzana, basterà pigiarla con una forchetta, aggiungete la provola tagliata a cubetti, il formaggio grattugiato, il prosciutto tagliato a pezzetti. Amalgamate gli ingredienti, aggiungete un pizzico di sale, mi raccomando poco, poiché il contenuto del prosciutto e della provola è già salato. Aggiungete l’uovo che serve a legare gli ingredienti, amalgamate. Riduce a pezzetti l’aglio, il basilico e la salvia, aggiungetela al composto e unite due pugni di pangrattato. Continuate ad amalgamare finché la consistenza non sarà compatta e morbida. Guardate il video, vi aiuta tanto. 

Riempire le melanzane e mettere in forno

Riempite le melanzane del composto ottenuto.

Melanzane svuotate ripiene

Melanzane svuotate ripiene

Disponete in pirofila con un giro di olio evo. Sulle melanzane versate la conserva di pomodoro

Mettete in forno a 150 gradi per 40 minuti modalità statico.

A fine cottura lasciate riposare per due minuti e servite. Sono buone anche fredde.

 

Mi trovi in libreria o contattami
E – mail di contattto gsartecucina@icloud.com
Pomodori San Marzano

Pomodori San Marzano ripieni di Riso Rosso integrale

Ciao a tutti, Pomodori San Marzano ripieni di Riso Rosso integrale. 

In questo periodo, Settembre, i pomodori eccellenti di derivazione di origine protetta, sono parte della qualità chiamata San Marzano. Il nome deriva dall’origine della località di coltura, San Marzano sul Sarno, provincia di Salerno. Il terreno su cui viene prodotto è composto da terra vulcanica, ricca di minerali, il mare e la temperatura beneficiano la produzione del pomodoro rendendolo ancora più pregiato. Le caratteristiche fisiche del San Marzano sono: la forma allungata, il colore rosso intenso, la buccia non troppo spessa, all’interno, ricco di polpa, scarso contenuto di  acqua e semi.

Il pomodoro San Marzano è impiegato nella produzione di salsa e pelati. 

L’eccellenza di questa produzione italiana, risale al 1770. Fù portata in Italia come dono al Re di Napoli Ferdinando I di Borbone. Egli ammirato dalla vista del colore del pomodoro e dalla bontà con cui gli fù servito in tavola, ordinò che fosse piantato nell’area del territorio di San Marzano sul Sarno. 

Considerando che, data la tipologia del pomodoro, prodotta anche come pelato, la cottura  al forno non altera la consistenza, ma lo rende morbido e piacevole al gusto.

Vi consiglio di usare la ricetta come un buon piatto comfort food, servirlo come apericena, portarlo in gita fuori porta, e se come me molte volte vi trovate a mangiare in macchina, conservate i pomodori ripieni in una contenitore per alimenti  e portatela con voi.

INGREDIENTI  PER 4 PORTATE

20 POMODORI SAN MARZANO

300 GR DI RISO ROSSO INTEGRALE

200 GR DI PROVOLA TAGLIATA A CUBETTI

100 GR DI FORMAGGIO GRATTUGIATO

2 CUCCHIAI DI OLIO EVO

BASILICO

SALE

COSA SERVE

LEVA POLPA – PIROFILA – CIOTOLA- PIATTO PIANO – CUCCHIAINO

PROCEDIMENTO

Lavate i pomodori, tagliate a rondella la parte alta. Togliete la polpa del pomodoro con il leva polpa. Salate all’interno e all’esterno. Poggiateli in una ciotola a testa in giù per un’ora.

Cuocete il riso rosso integrale. Scolatelo, unitelo alla polpa aggiungendo il basilico sminuzzato, salate. Aggiungete al composto il formaggio e la provola.

Pomodori San Marzano ripieni di Riso Rosso integrale

Pomodori San Marzano ripieni di Riso Rosso integrale

CONSIGLIO VEGETARIANO

A vostro gusto potete aggiungere foglie di salvia creare un’ottimo accordo di sapori unendo gli spinaci, basterà scottarli e unirli al composto. 

RIEMPIAMO I POMODORI

Riempite i pomodori del composto aiutandovi con un cucchiaino. Versate l’olio in pirofila e disponete i pomodori ripieni. Naturalmente se avete riempito i pomodori con composti differenti, poneteli in diverse pirofile in modo da distinguerli.

Pomodori San Marzano ripieni di Riso Rosso integrale

IN FORNO

Mettete in forno modalità statico temperatura 180 gradi per 45 minuti

Servite i pomodori ripieni in piatto piano

In alternativa potete creare dei gustosi spuntini da aperitivo o antipasto.  Fate intiepidire i pomodori, tagliateli a rondelle e serviteli.

Pomodori San Marzano ripieni di Riso Rosso integrale

Pomodori San Marzano ripieni di Riso Rosso integrale

Vi lascio il video, seguimi sul mio canale Youtube “gsartecucina”

Aggiungete la ricetta a

“Il tuo quaderno di cucina”

un racconto di ricette che ho creato per voi. Un’anello di piatti che vi accompagna tra i sapori italiani e la cucina estera, passando tra le fiabe. Consigli utili e conoscenza degli ingredienti. Una scrittura semplice anche per i bimbi. Un vero quaderno a portata di tutti. Non resto che aggiungerlo alla vostra libreria di cucina a casa.

Clicca sulla copertina che vedi e verrai reindirizzato per conoscere meglio e dove trovare “Il tuo quaderno di cucina”.

Riso rosso integrale in dadolata di melanzane e ciuffi di spinaci

Ciao a tutti, oggi ricetta con un tipo di  qualità di riso integrale dal colore rosso. Riso rosso integrale in dadolata di melanzane e ciuffi di spinaci. Ricco di fibre e proteine, il riso rosso integrale ha un sapore direi “deciso”. In ricetta l’ho abbinato alla dolcezza degli spinaci e all’acidità della melanzana. La croccantezza l’ho ritrovata nella cottura del riso. 

Riso rosso integrale in dadolata di melanzane e ciuffi di spinaci

INGREDIENTI  DUE PORTATE

200 GR DI SPINACI

200 GR DI MELANZANE

1  SPICCHIO PICCOLO DI AGLIO

 2 CUCCHIAI DI OLIO EVO

160 GR DI RISO INTEGRALE ROSSO

COSA SERVE

Padella – 2 Pentole – Piatto fondo – Coppa pasta diametro 6 cm

PROCEDIMENTO 

PROCEDIMENTO PREPARAZIONE SOFFRITTO

Lessate gli spinaci in pentola. Private la melanzana della buccia e tagliatela a dadi . In padella versate l’aglio sminuzzato, l’olio, e la dadolata di melanzane. Cuocete a fuoco medio per 15 minuti. Unite gli spinaci e continuate  a cuocere per 15 minuti. Salate a fine cottura

PROCEDIMENTO PREPARAZIONE RISO

Cuocete il riso in pentola in acqua bollente salata per 20 minuti. Scolate il riso lasciando un pò di acqua di cottura, e unitelo al soffritto.

Inserite al centro del piatto il coppapasta, riempitelo di risotto. Sfilate delicatamente il coppapasta.

Pipi arrustuti – Pepi arrostiti

Ciao a tutti, oggi Pipi arrustuti – Pepi arrostiti.

Nella mia zona della regione Calabria, in provincia di Vibo Valentia si chiamano così.

Seguendo la ricetta, scrivetemi confrontiamo cosa cambia nei passaggi o cosa aggiungete in più tra gli ingredienti.

INGREDIENTI PER DUE PORTATE

3 PEPERONI GRANDI ROSSI E VERDI

2 CUCCHIAI DI OLIO EVO

SALE

COSA SERVE

Padella antiaderente – Ciotola – Sacchetto di carta – Sacchetto di plastica – Piatto piano

PROCEDIMENTO

Lavate in peperoni non privateli del gambo. Metteteli in padella. Il segreto della cottura dei pipi arrustuti è quello di farli stare uno vicino all’altro, in modo che il calore si propaghi tra loro uniformemente. Arrostite a fiamma alta sul fornello grande. Fate in modo che la pelle del peperone diventi nera, abbiate cura di non bruciarli all’interno, ve ne accorgerete dal fatto che si aggrinziscono e si desquamano.

Riponete i peperoni nel sacchetto di carta, chiudetelo. Per mantenere meglio la cottura,  mettete il sacchetto di carta in quello di plastica. Lasciateli almeno per un’ora.   

Togliete i peperoni dal sacchetto e privateli della buccia arrostita

Pipi arrustuti - Pepi arrostiti

Pipi arrustuti – Pepi arrostiti

Sfilacciateli rispettando le venature del peperone. Poneteli in una ciotola e condite con olio e sale

Ecco fatto un ottimo Comfort Food, richiama i profumi, i  colori e i sapori della propria terra.

E un ottimo piatto vegetariano.

Pipi arrustuti - Pepi arrostiti

Pipi arrustuti – Pepi arrostiti

Risotto Venere e Parboiled in guazzetto di ricotta

Risotto Venere e Parboiled in guazzetto di ricotta

Ciao a tutti, oggi in tavola Risotto Venere e Parboiled in guazzetto di ricotta

INGREDIENTI PER 2 PORTATE

Risotto Venere e Parboiled in guazzetto di ricotta

80 GR DI RISO VENERE

80 GR DI RISO PARBOILED

300 GR DI RICOTTA DI PECORA

2 CUCCHIAI DI OLIO EVO

150 ML ACQUA NATURALE

SALE

COSA SERVE

2 Pentole – Piatto fondo

PROCEDIMENTO

In pentola versate l’olio, unite la ricotta e 100 ml di acqua, fate unire gli ingredienti a fuoco basso. Cuocete per 10 minuti. Fate in modo che la ricotta si sbricioli e che l’acqua non si asciughi. Unite le due tipologie di riso e  cuocetelo in acqua bollente salata. A fine cottura scolate e unitelo al guazzetto di ricotta. Mettete nel piatto e colate sul riso il guazzetto di ricotta.

 

Risotto Venere e Parboiled in guazzetto di ricotta

 

Stinco di prosciutto con zuppa di Lenticchia

Stinco di prosciutto con zuppa di Lenticchia

Ciao a tutti, Stinco di prosciutto con zuppa di lenticchia. Dove trovare lo stinco? Al supermercato, scegliete il prodotto senza glutine. Ottimo piatto da servire la notte di San Silvestro o da aggiungere nel ricettario dei vostri secondi piatti.

INGREDIENTI PER LA ZUPPA DI LENTICCHIA

LENTICCHIA 200 GR

1 CIPOLLA

3 CAROTE

1 COSTA DI SEDANO

1 SPICCHIO DI AGLIO

SALE

4 CUCCHIAI DI OLIO EVO

ACQUA 250 ML

INGREDIENTI PER LO STINCO DI PROSCIUTTO

600 GR DI STINCO DI PROSCIUTTO COTTO AL FORNO

COSA SERVE

2 PENTOLE – PIATTO PIANO LARGO – PIATTO PIANO

PROCEDIMENTO PER LA COTTURA DELLA LENTICCHIA

  • Lasciate a mollo la lenticchia per un paio di ore.
  • Lavatele e mettetele in pentola con acqua fredda. La proporzione ottimale di acqua e lenticchie va misurata così, per ogni 100 gr di lenticchia, 100 ml di acqua.
  • Aggiungete la cipolla tagliata finemente, le carote tagliate a rondelle, il sedano e l’aglio sbucciato.
  • Cuocete, attenzione durante la cottura che la lenticchia non assorba completamente l’acqua, aggiungetene se è necessario.
  • A fine cottura a fuoco spento aggiungete l’olio e infine il sale.

PROCEDIMENTO PER LA COTTURA DELLO STINCO

  • Portate ad ebollizione l’acqua aggiungete lo stinco, non toglietelo dall’involucro con cui è confezionato
  • Fate cuocere per 20 minuti. A fine cottura toglietelo dall’involucro e conditelo con il condimento che ha rilasciato.

Servite lo Stinco di prosciutto con zuppa di Lenticchia

CASARECCE IN CREMA DI NOCI

Ciao a tutti, il sapore ottimo delle noci in una ricetta semplice, Casarecce in crema di noci.

 

INGREDIENTI

CASARECCE IN CREMA DI NOCI

15 Noci da sgusciare

500 ml di latte parzialmente scremato

50 gr di burro

2 cucchiai di farina 00

50 gr di formaggio da grattuggiare

Sale q.b

Noce moscata q.b

160 gr di Casarecce

 

COSA SERVE

TRITATUTTO- 2 PENTOLE ALTE – FRUSTA -PIATTO FONDO

 

PROCEDIMENTO

Sgusciate le noci. Lasciatene 5 da parte e il restante tritatelo. In pentola versate il burro fatelo sciogliere unite la farina amalgamando a fuoco medio, il composto dovrà diventare dorato.  A fuoco basso aggiungete il latte versandolo lentamente e amalgamando velocemente con la frusta. Portate il tutto a bollore, la crema inizierà a rassodare, la consistenza dovrà essere cremosa. Unite il sale e la noce moscata. In fine aggiungete la noci. Spegnete, lasciate riposare. Lasciate da parte un paio di mestoli di crema di noci. Cuocete la pasta e amalgamate la restante crema unendo il formaggio grattugiato. 

IMPIATTIAMO

In un piatto fondo versate un mestolo di crema di noci, al centro appoggiate le casarecce, finite il piatto guarnendo con la metà delle noci che vi sono rimaste intere.

 

NOCI

Classificate nella categoria della frutta secca, sono un alimento indispensabile per la nostre alimentazione. 

I benefici nutrizionali sono diversi:

  • Omega, 3 aiutano a diminuire il colesterolo e rendono la pelle più elastica,
  • Magnesio, che da forza al nostro organismo,
  • Antiossidanti, di cui ho dedicato un’articolo e che vi invito a leggere per capire come una buona alimentazione è parte integrante del nostro star bene. Ecco il link ANTIOSSIDANTI E RADICALI LIBERI

 

CASARECCE IN CREMA DI NOCI

CASARECCE IN CREMA DI NOCI

Tortino di patate con pesto di broccoli

Ciao a tutti, novità Tortino di patate con pesto di broccoli

INGREDIENTI

La ricette si riferisce alla quantità sia di un tortino di dimensioni di diametro 10 cm, sia alla dimensione della tortiera dal diametro 24.

4 cipolle di Tropea o rosse

2 fette di provola tagliata 0,50 cm

2 etti di formaggio da grattugiare

3 cucchiai di pan grattato

300 gr di broccoli

5 cucchiai di olio di oliva

sale

COSA SERVE

Tortino diametro 10 cm – Tortiera  diametro 24 – Pentola – Padella – Tritatutto o coltello – Mixer ad immersione – Carta forno

PROCEDIMENTO

PESTO DI BROCCOLI

  • Lessate i broccoli una volta cotti salateli, scolateli e metteteli a freddare.
  • Riduceteli con il mixer ad immersione, aggiungendo 2 cucchiai di olio e 2 cucchiai di parmigiano.

PREPARAZIONE TORTINO/TORTIERA

  • Pulite la cipolla, affettatela finemente
  • in padella versate 1 cucchiaio di olio e unite la cipolla
  • Cuocete per 20 minuti, salate.
  • Sbucciate le patate, tagliatele a rondelle
  • Tritate 150 gr di provola
  • Sul fondo del tortino versate mezzo cucchiaio di olio. (create il fondo del tortino con carta forno)
  • Disponete il primo strato di patate
  • Ricoprite le patate con la cipolla
  • Appoggiate una fetta di provola,
  • Coprite con il pesto di broccoli
  • Chiudete con le patate e ricoprite la superficie di provola tritata e formaggio da grattugiare
  • Cottura, in forno statico a 180 gradi per 20 minuti

Tortino di patate con pesto di broccoli

Tortino di patate con pesto di broccoli

  • Se avete voglia del croccante in superficie, aggiungete il pangrattato

Tortino di patate con pesto di broccoli

Fileja multicolor con fagioli borlotti

Ciao a tutti, porto in tavola la pasta della mia terra i ” FILEJA”. Li ho scelti al sapore piccante 🌶 e agli spinaci . Il condimento per eccellenza sono i fagioli. Ho creato con i due colori il piatto Fileja multicolor con fagioli borlotti. Ecco il Link su Come si lavora la pasta dei Fileja

 

Vediamo come si fa

INGREDIENTI per 2 persone

1 bicchiere 🥃 di fagioli borlotti

1 spicchio d’aglio

5 rametti di prezzemolo

Sale

3 cucchiai di olio

160 gr di fileja

Formaggio 🧀 da grattugiare, scegliete voi il gusto delicato come il grana, o il gusto più intenso come il pecorino.

 

COSA SERVE

Due Pentole- Piatto fondo

 

PROCEDIMENTO

La sera mettete a bagno i fagioli, se vi dimenticate lasciateli a mollo il giorno dopo almeno per 2 ore. Lavateli e metteteli in pentola con aglio e prezzemolo. Copriteli con acqua e fateli cuocere. A fine cottura salate e mettete l’olio. Fate riposare il tutto per un oretta. In questo modo i sapori si uniscono e i fagioli avranno un gusto più saporito.

Mettete a bollire l’acqua, salatela e versate i fileja.

Fileja multicolor con fagioli borlotti 

Scolateli e unite i fagioli amalgamando a fuoco basso. Finite il piatto con una spolverata di formaggio 🧀

Ecco fatto i

FILEJA MULTICOLOR CON FAGIOLI BORLOTTI

Fileja multicolor con fagioli borlotti 

Fileja multicolor con fagioli borlotti 

Lasagna di verdure per ferragosto

Lasagna di verdure per ferragosto

Ciao a tutti, siamo pronti per affrontare il ferragosto, dopo un’accurata scelta del posto dove andare: mare, montagna, collina, a casa, prepariamo un piatto che va bene per un buon fuori porta, Lasagna di verdure per ferragosto.

 

INGREDIENTI

Lasagna di verdure per ferragosto

500 gr di lasagne all’uovo. Se decidete di fare la sfoglia fresca seguite il procedimento della ricetta Pasta all’uovo fatta in casa dopo aver steso la sfoglia tagliatela in forma rettangolare e otterrete la lasagna

1 kg di verdure, visto il Ferragosto vi consiglio di approfittare del sapore delle cime di zucca

2 etti di prosciutto cotto

2 etti di provola tagliata a cubetti

2 etti di formaggio grattugiato

1 litro di besciamella

3 cucchiai di olio di oliva

300 ml di Besciamella

 

COSA SERVE

Teglia- Pentola

 

PROCEDIMENTO

Prepariamo la verdura

Pulitela e lavatela abbondantemente. In pentola mettete la verdura coprendola d’acqua, fate cuocere, salate. A fine cottura scolate e fate raffreddare.

 

BESCIAMELLA

se avete deciso di farla in casa vi dò gli ingredienti e la ricetta

INGREDIENTI

1 Litro di latte

100gr di burro

100 gr di farina 00

1 pizzico di sale

1 pizzico di noce moscata

 

COSA SERVE

2 Pentole – Frusta – Contenitore di vetro – Teglia

 

PROCEDIMENTO

Scaldate il latte a fuoco basso. A parte in una pentola fate sciogliere il burro, una volta sciolto togliete dal fuoco e unite la farina amalgamando con una frusta, dovrete ottenere un composto senza grumi, rimettete sul fuoco fino a farlo diventare dorato. Unite il latte a poco a poco, sempre a fiamma bassa per un tempo di 5-6 minuti. Ora spegnete il fuoco e aggiungete il sale e la noce moscata.

La consistenza della besciamella decidetela voi: se la volete più liquida dovrete mettere meno burro, se la volete più densa dovrete mettere più burro e farina. Fate raffreddare. Riponete in frigo in un contenitore di vetro coperto.

Fatta la besciamella prendiamo la teglia e sul fondo versiamo l’olio e la besciamella, iniziamo a comporre la lasagna disponendola in maniera omogenea in teglia, formate il primo strato con le verdure e la provola, coprite con la sfoglia e versate la besciamella, il secondo strato, prosciutto e provola, coprite e versate la besciamella, l’ ultimo strato, provola ricoperta da besciamella e formaggio da grattugiare.

La cottura sarà in forno a 150/180 gradi per 30/40 minuti

 

La lasagna alle verdure per il FERRAGOSTO

è pronta per essere mangiata ovunque voi siate

 

BUON FERRAGOSTO DA GSARTECUCINA  🙂  🙂  🙂 

 

Ricordate di cucinare sempre con dosi giuste ed equilibrate in maniera da evitare lo spreco alimentare e il consumo di plastica rispettiamo l’ambiente. Divertiamoci con coscienza

Cartoccio con fondo di melanzane

Cartoccio con fondo di melanzane

Ciao a tutti, ho reso protagonista la buccia della melanzana come base per un buon primo piatto, creando così la ricetta Cartoccio con fondo di melanzane.

INGREDIENTI per 2 persone

Cartoccio con fondo di melanzane

INGREDIENTIQUANTITA
MELANZANE2
POMODORINI PACHINO20
AGLIO1 SPICCHIO
BASILICO4 FOGLIE
OLIO EVO3 CUCCHIAI
SALE 
RIGATONI SPEZZATI180 GRAMMI

 

COSA SERVE

2 PENTOLE – PENTOLA BASSA – COLTELLO – PIATTO FONDO – CARTA ALLUMINIO

 

CUCINIAMO

Pulite le melanzane, dividetele in due, aiutatevi con il coltello e ricavatene la polpa lasciando intera la buccia. Tagliate a cubetti la polpa. Pulite i pomodorini. In pentola bassa mettete l’olio, l’aglio sbucciato, la polpa di melanzane e i pomodorini. Fate andare il tutto a fuoco lento. Nel frattempo lessate le bucce di melanzana, stando attenti a mantenerle integre nella forma. Fatele freddare togliendole dall’acqua di cottura. Quando il condimento sarà pronto, aggiungete due foglie di basilico spezzettato, regolate di sale. Appoggiate le melanzane nel condimento e riscaldatele a fuoco lento.

 

Cuocete i mezzi rigatoni. Preparate il cartoccio nei piatti fondi, basterà coprire il piatto con un foglio d’alluminio, l’ampiezza del foglio dovrà uscire dai bordi almeno 5 centimetri. Appoggiate nel cartoccio le barchette di melanzane. Amalgamate la pasta al condimento e completate il piatto riempiendo le barchette di melanzane con le mezze penne, appoggiate sopra le penne una foglia di basilico. Richiudete il cartoccio e lasciatelo per un paio di minuti. Nel momento in cui lo riaprirete la sensazione dei profumi sarà stupenda. Vi consiglio di mangiarlo richiudendo i mezzi rigatoni nella barchetta stessa, in modo da avere omogeneità tra i sapori che si uniscono.

BUON APPETITO

 

Orecchiette pugliesi FANTASIA

Orecchiette pugliesi FANTASIA

Ciao a tutti, oggi vi propongo una ricetta con un tipo di pasta tipico della tradizione pugliese. Regione che ci regala stupendi sapori. Orecchiette pugliesi FANTASIA. Sono ottime sia che le serviate calde o fredde.

INGREDIENTI PER DUE PORZIONI

INGREDIENTI

1 cipolla rossa di Tropea

2 zucchine

200 gr di Funghi Champion

3 Foglie di Basilico

un ciuffo di Prezzemolo

1 Bicchiere di Latte

3 Cucchiai di Olio evo

Sale

200 GR ORECCHIETTE pugliesi di grano duro, li trovate facilmente al supermercato o nei pastifici.

Formaggio grattugiato

In “Il tuo quaderno di cucina” trovi la ricetta tradizionale per ottenere la pasta di grano duro fatta in casa. Le basi della cucina devono essere sempre accanto a noi.

COSA SERVE

TRITATUTTO O COLTELLO A LAMA LUNGA LISCIA – PENTOLA DI MEDIA ALTEZZA – PENTOLA – PIATTO FONDO

PROCEDIMENTO

  • Nel tritatutto mettete la cipolla, la zucchina, il basilico e il prezzemolo, in alternativa se non avete il tritatutto sminuzzare gli ingredienti con un coltello lungo a lama liscia.
  • In pentola di media altezza versate: 2 cucchiai di olio e il trito. Soffriggete, quando la cipolla sarà leggermente imbiondita unite i funghi. Abbassate il fuoco e continuate la cottura, i funghi rilasceranno l’acqua necessaria per amalgamarsi al composto.
  • Passati 15 minuti, aggiungete mezzo bicchiere di latte e un cucchiaio di olio, fate andare per 5 minuti. Il latte dovrà amalgamarsi al composto. Salate.
  • Cuocete le orecchiette. Unite il soffritto primavera.
  • Servite con una buona grattugiata di formaggio o pecorino o ricotta salata, quello che più gradite.
  • Per servire il piatto freddo, lasciatelo freddare in pentola.

Orecchiette pugliesi FANTASIA

Orecchiette pugliesi FANTASIA

FUSILLI IN CREMA DI PISELLI

Fusilli in crema di piselli

Ciao a tutti, oggi ricetta che possiamo scegliere di servire come portata calda o come portata fredda. Cuciniamo insieme i Fusilli in crema di piselli.

INGREDIENTI per 2 persone

INGREDIENTIQUANTITA’
PISELLI 300 GRAMMI
CIPOLLA DI TROPEA1
OLIO EVO7 CUCCHIAI
BASILICO3 FOGLIE GRANDI
FUSILLI160 GRAMMI
SALE 

COSA SERVE

MIXER AD IMMERSIONE – 2 PENTOLE – COPPA PASTA A CERCHIO DIAMETRO 4 CENTIMETRI – PIATTO FONDO

CUCINIAMO

Sminuzzate la cipolla, versatela in pentola con tre cucchiai di olio e i piselli, fate cuocere. A fine cottura regolate di sale. Fate freddare. Nel mixer ad immersione aggiungete tre cucchiai di olio e tre quarti di piselli con due foglie di basilico, riducete il composto in crema. Cuocete i fusilli. Amalgamate un quarto della crema di piselli ai fusilli.

A questo punto della preparazione scegliete se volete servirla come pietanza fredda o calda. La differenza tra le due sta nel mantenere la temperatura della crema di piselli.

IMPIATTIAMO

Fusilli in crema di piselli

In un piatto fondo appoggiate il coppa pasta, all’interno create la base di crema di piselli, riempite di fusilli. Ai bordi esterni aggiungete i piselli. Togliete il coppa pasta, finite il piatto con una foglia di basilico e un filo di olio. 

Ecco servita un’alternativa alla classica pasta e piselli.

Mi rivolgo alle mamme, introducete ai vostri bimbi nell’alimentazione questa consistenza di crema di piselli, la mangeranno con golosità. La loro dolcezza unita alla cipolla dà una sapore delicato. Potete creare voi la ricetta, per esempio amalgamarla al vasetto di omogenizzato o unirla alla pastina aggiungendo un pò di brodo vegetale. La scelta di non soffriggere gli ingredienti, fà in modo di lasciare neutro il sapore della crema di piselli e non appesantire l’alimento nell’assimilazione.

Un pò di me in questa ricetta: oggi è un giorno di crescita importante, lo festeggio inserendo nel piatto un colore stupendo della natura.

Grazie a tutti. BUON APPETITO  🙂 

FUSILLI IN CREMA DI PISELLI

Maccheroni al pesto di cavolfiore e trito di funghi

Maccheroni al pesto di cavolfiore e trito di funghi

Ciao a tutti, c’è un tipo di pasta usato nel sud Italia che ha il nome di Maccheroni, detti “Mmaccarruni”. La pasta è di grano duro, lavorandola si ottiene la forma tubolare, la si fà scorrere lungo un bastoncino in modo che si avvolga su se stessa e rimanga aperta all’interno. In cottura si presta bene con piatti ricchi di salse o creme, ecco perchè ho pensato di condividere con voi la ricetta “Maccheroni al pesto di cavolfiore e trito di funghi”.

 

Ricetta per 2 piatti di

Maccheroni al pesto di cavolfiore e trito di funghi

INGREDIENTIQUANTITA’
CAVOLFIORE5 PEDUNCOLI
FUNGHI ORECCHIETTA300 GR
BASILICO3 FOGLIE
PREZZEMOLO1 CIUFFO
AGLIO1 SPICCHIO
OLIO EVO4 CUCCHIAI
SALE 

 

COSA SERVE

PENTOLA – PADELLA – MIXER AD IMMERSIONE ( se non l’avete aiutatevi a ridurre il cavolfiore con una forchetta) – TRITA TUTTO ( se non l’avete riducete con un coltello) – PIATTO FONDO – COPPA PASTA QUADRATO DIMENSIONI 8X8 CM SPESSORE 4 CM

 

CUCINIAMO

Prepariamo il cavolfiore

Mettete a cuocere il cavolfiore in acqua, aggiungete il sale. A fine cottura togliete dall’acqua e fate freddare. Conservate l’acqua di cottura. Lasciate da parte un peduncolo.

 

Riducete il cavolfiore con il mixer ad immersione unendo 3 foglie di basilico e 2 cucchiai di olio. Otterrete così il pesto di cavolfiore. 

 

Prepariamo i funghi

In padella versate 2 cucchiai di olio, l’aglio e aggiungete i funghi. A fine cottura salate e unite il prezzemolo. Riducete i funghi con il trita tutto. 

 
Prepariamo i Maccheroni

Cuocete i maccheroni in acqua bollente e salata, scolateli e uniteli al pesto di cavolfiore. Lasciate da parte 6 cucchiai di pesto.

""</p

 

Impiattiamo

In un piatto fondo formate un letto con il pesto di cavolfiore, appoggiate il coppa pasta e ricopritelo di maccheroni, toglietelo delicatamente e aggiungete i funghi poggiandoli sulla parte superiore dei maccheroni, guarnite il piatto con i peduncoli del cavolfiore disponendoli a raggiera nella parte inferiore del piatto, qualcuno poggiatelo sopra accanto ai funghi.

 

 

 

RAVIOLI

RAVIOLI

E’ certo che di ricette per preparare i RAVIOLI ce ne siano tante, vi propongo la mia con alcune varianti

Preparate la pasta all’uovo il procedimento lo trovate cliccando il link, la variante nell’impasto sta nella farina che utilizzo, rigorosamente farina 00 detta tenera.

 

INGREDIENTI per il ripieno

spinaci

ricotta

sale

 

Cosa ci serve

mattarello – rotella liscia – coltello liscio – forchetta

 

Procedimento

Sbollentate gli spinaci scolateli e salateli, fateli raffreddare. Nel frattempo tagliate la pasta a strisce, contate le strisce e dividete per due, una serve per poggiare il ripieno, l’altra serve per chiudere. Su ogni striscia appoggiate in maniera distanziata un pò di spinaci e sopra la ricotta salata. Bagnate un pò i bordi della pasta, chiudete con un altra striscia di pasta e pressate leggermente ai lati, prendete una rotella liscia o un coltello a lama liscia e tagliate tra un raviolo e l’altro, a questo punto chiudete bene facendo pressione sui bordi dei ravioli, completate ricamando il bordo dei ravioli con la punta della forchetta.

Ecco fatto i

RAVIOLI

Vi faccio vedere le immagini della prima volta che ho fatto i ravioli, tutti a mano, mi sono divertita tanto, certo non sono venuti tutti della stessa grandezza ma chi se ne frega mica siamo dei matematici calcolatori, l’importante è il risultato finale e quello non è mancato!

Fatemi sapere anche voi come ve la siete cavata, vi aggiungo il link della ricetta RAVIOLI AI FORMAGGI

RISOTTO CON PANCETTA E TRITO DI ZUCCHINE

RISOTTO CON PANCETTA E TRITO DI ZUCCHINE

Ciao a tutti, oggi RISOTTO CON PANCETTA E TRITO DI ZUCCHINE, vediamo come si fà

 

INGREDIENTI

160 gr di Riso per risotto

2 Zucchine lunghe

1 Cipolla

1 etto di Pancetta tagliata a cubetti

Olio d’oliva 1 cucchiaio

100 gr Formaggio da grattugiare

Sale

 

COSA SERVE

1 padella – 1 pentola – tritatutto

 

PREPARIAMO IL

RISOTTO CON PANCETTA E TRITO DI ZUCCHINE

Ricavate un trito di zucchina e cipolla. In padella versata l’olio, il trito e un pizzico di sale. A fuoco basso, fate soffriggere per un minuto, versate la pancetta e cuocete il tutto per 20 minuti.

RISOTTO CON PANCETTA E TRITO DI ZUCCHINE

trito di zucchina e pancetta

Fate bollire l’acqua, salate e versate il riso, tempo di cottura 10 minuti, assaggiate per capire la consistenza. Il riso non dovrà risultare nè duro e nè morbido da liquefarsi in bocca, i grani dovranno sentirsi omogenei al palato. Ora prendete una schiumarola e versate il riso in padella con il soffritto, a fuoco basso mantecate, unite il formaggio continuando a mantecare.

IMG_1256

RISOTTO CON PANCETTA E TRITO DI ZUCCHINE

Ottenete il tortino versando nel piatto un mestolo di riso e con un cucchiaio girato al contrario date forma ai bordi andando a stringere. Date altezza alla portata per avere un maggiore effetto estetico.

RISOTTO CON PANCETTA E TRITO DI ZUCCHINE

RISOTTO CON PANCETTA E TRITO DI ZUCCHINE

Una piccola nota: la qualità della cottura del riso varia anche dal suo formato. Il contenuto che ha il riso di amido permette di cuocere secondo la tipologia del piatto che si vuole ottenere. Scegliete un riso o con “chicchi lunghi” ideale per tutte le ricette, o un riso per “risotto”, trovate la dicitura fronte alla confezione. Se volete variare, esistono tipologie diverse di lunghezza del chicco di riso e anche qui potete scegliere, ve ne elenco alcuni tra i più conosciuti: ARBORIO i suoi chicchi sono lunghi e l’amido rilasciato permette un’ottima cottura ai risotti, lo stesso vale per il RIBE cambia solo la forma del chicco. 

Buon appetito 😛 

Cartoccio di linguine in crema di melanzane e funghi

Ciao a tutti, oggi cucina al “cartoccio”. Ottimo modo per mantenere calda la portata e far in modo che i profumi e i sapori continuino ad amalgamarsi a cartoccio chiuso. Ho pensato ad ingredienti che potessero ridursi in crema e che restassero uniti per la loro consistenza, il tutto avvolto da un formato di pasta liscia. Il nome del piatto è Cartoccio di linguine in crema di melanzane e funghi orecchietta.

La qualità di funghi utilizzata ha il nome di “PLEUROTUS OSTREATUS” (già incontrata in un’altra ricetta, Risotto ai funghi orecchietta). I nomignoli dati a questo tipo di fungo sono diversi, ve ne elenco alcuni: Cerrena, Recchia, Gelone, Sbrise, Cerlengo. 

funghi orecchietta PLEUROTUS OSTREATUS

funghi orecchietta PLEUROTUS OSTREATUS

INGREDIENTI

Cartoccio di linguine in crema di melanzane e funghi orecchietta

INGREDIENTIQUANTITA’
MELANZANE1
FUNGHI PLEUROTUS OSTREATUS200 GR
AGLIO1 SPICCHIO
PREZZEMOLO5 RAMETTI
OLIO EVO2 CUCCHIAI DA TAVOLA
SALE 
LINGUINE160 GR

COSA SERVE

1 PENTOLA CON BORDO BASSO – 1 PENTOLA CON BORDO ALTO – CARTA ALLUMINIO – PIATTO FONDO – FORCHETTA

PREPARAZIONE

Affettate la melanzana finemente tagliandola in lunghezza. In pentola con bordi bassi versate l’olio, l’aglio e la melanzana, coprite e fate cuocere per 5 minuti a fuoco basso, trascorso il quale unite i funghi. Fate cuocere per 20 minuti a fuoco medio. Sia la melanzana che i funghi rilasciano acqua, la melanzana durante la cottura si ridurrà in crema, avvolgendo i fughi nel suo sapore. Aggiungete il prezzemolo a fine cottura. Coprite e lasciate riposare per il tempo di preparazione della pasta. Cuocete le linguine quando saranno al dente versatele nella crema di melanzane ai funghi, amalgamate. Prendete un piatto fondo e create con la carta d’alluminio un sacchetto che dovrà appoggiare sul piatto come visto nel video.

Sulla base del cartoccio versate la crema di melanzane ai funghi, aiutandovi con una forchetta disponete la pasta. Richiudete il cartoccio. Servite in tavola. La bellezza di questo piatto è il profumo che emanano gli ingredienti una volta aperto il cartoccio e i sapori che si amalgamano in esso.

 

Cartoccio di linguine in crema di melanzane e funghi

Cartoccio di linguine in crema di melanzane e funghi

 

BUCATINI ALLA CARBONARA DI CARCIOFI

BUCATINI ALLA CARBONARA DI CARCIOFI

Ciao a tutti, BUCATINI ALLA CARBONARA DI CARCIOFI

INGREDIENTI DUE PORZIONI

4 Carciofi

3 Uova

80 GR Formaggio da grattugiare

160 GR Bucatini

Prezzemolo

COSA SERVE:

Insalatiera – Pentola – Padella – Piatto fondo – Coltello dalla punta arrotondata

PROCEDIMENTO

PULIAMO I CARCIOFI

  • Pulite i carciofi. Togliete le foglie esterne. Scavate all’interno del fiore, osservate se vi è la presenza della peluria, toglietela aiutandovi con un coltello dalla punta arrotondata.

carciofo pulito

  • Tagliate i carciofi a spicchi.
  • Metteteli a bagno in acqua e limone, in modo che tolgano l’amaro per un paio di ore.

Vi rimando al link COME PULIRE I CARCIOFI 

CUCINIAMO I BUCATINI ALLA CARBONARA DI CARCIOFI

  • Lessate i carciofi, aggiungete un pizzico di sale.
  • In padella versate un filo di olio, sminuzzate il prezzemolo, soffriggete i carciofi.
  • In un piatto sbattete le uova con il formaggio.
  • Cuocete i bucatini al dente
  • Uniteli a fuoco medio al soffritto di carciofi.
  • Spegnete il fuoco, unite le uova, mantecate.

BUON APPETITO

BUCATINI ALLA CARBONARA DI CARCIOFI

BUCATINI ALLA CARBONARA DI CARCIOFI

risotto

Risotto ai funghi PLEUROTUS OSTREATUS

Ciao a tutti, ricetta Risotto ai funghi PLEUROTUS OSTREATUS. Gironzolando tra gli scaffali del supermercato, ho scelto questa qualità di fungo. Crescono a ceppo, il cappello sulla parte superiore è liscio e morbido, nella parte inferiore è striato. Pensando ad un buon risotto, le caratteristiche di questo fungo in cottura permette di mantenere integro il sapore e non trattenere completamente il condimento così da lasciare spazio al retro gusto. Ho pensato di giocare con le diverse qualità di riso, ho unito al riso basmati e il riso ribe.

PLEUROTUS OSTREATUS

Ingredienti due portate

Risotto ai funghi PLEUROTUS OSTREATUS

  • 200 GR DI FUNGHI ORECCHIETTA PLEUROTUS OSTREATUS
  • 1 CAROTA
  • 5 POMODORINI PACHINO
  • 1 SPICCHIO DI AGLIO
  • 3 RAMETTI DI PREZZEMOLO
  • 3 CUCCHIAI DI OLIO EVO
  • 80 GR DI RISO BASMATI
  • 80 GR DI RISO RIBE
  • SALE

Cosa serve

2 PENTOLE – COPPA PASTA – PIATTO FONDO –

Procedimento

Pulite i funghi lavandoli e togliendo dal gambo il terriccio, tagliateli rispettando le striature che trovate nella parte inferiore del cappello. Pulite la carota e tagliatela a rondelle, lavate i pomodori pachino, sbucciate l’aglio.

In pentola versate tutti gli ingredienti, fate soffriggere, coprite e fate andare per 5 minuti a fuoco basso, unite il prezzemolo e continuate la cottura per 20 minuti, controllate che non si asciughi altrimenti aggiungete un pò d’acqua. a fine cottura, salate.

preparato per risotto

preparato per risotto ai funghi

Portata a bollore l’acqua, versate il riso, fatelo cuocere, a fine cottura salate.

Unite il riso ai funghi.

Preparazione piatto

Nel coppa pasta versate il riso. Toglietelo delicatamente, appoggiate i funghi e il pomodoro usati durante la preparazione.

Buon appetito

Risotto ai funghi PLEUROTUS OSTREATUS

Risotto ai funghi PLEUROTUS OSTREATUS

Fagioli di Monteporo in Foglie di ulivo

Fagioli di Monteporo in Foglie di ulivo

Ciao a tutti, Mamma mi ha regalato questi buonissimi fagioli coltivati in Calabria in una località chiamata Monte Poro, ( cliccate sul link per vedere la mappa del luogo), ecco da dove parte l’idea della ricetta, Fagioli di Monteporo in Foglie di ulivo

 

img_44032

Fagioli di Monte Poro

Vi parlo della località in cui si produce questa qualità di legume, scopriamola

Zona ricca di: agricoltura, allevamento di ovini, caprini e suini. Località non distante dal mare, ha un altitudine di 700 metri. La posizione geografica ottimale permette di arrivare alla bellissima Tropea, Nicotera, Vibo Valentia, Gioia Tauro. Si distingue per le distese di terra coltivata, da cui si producono sapori messi in tavola dai numerosi agriturismi che circondano la zona. Arrivando sul posto vi verrà voglia di assaggiare tutto ciò che è locale, per esperienza vi dico, che non è costoso ma è estremamente genuino.

A febbraio di alcuni anni fà insieme ai miei genitori siamo andati in una fattoria del luogo alla ricerca di prodotti tipici della zona, ovvero: la buonissima carne di maiale, gli insaccati tipici calabresi, pancetta, capicollo, salame, formaggio di capra e di mucca, per quest’ultimo ho avuto la bellissima esperienza di poter entrare in una stalla e assaggiare il latte appena munto, è stata una sensazione fantastica. Bianco come la neve aveva, un gusto intenso, pastoso molto denso, quasi fosse panna.

Ora condivido con voi uno di questi sapori di questo meraviglioso luogo.

La pasta che userò è pasta di grano duro con spinaci a forma di foglie di ulivo, non l’ho fatta io, l’ho comprata al supermercato incuriosita dalla pubblicità!

Fagioli di Monteporo in Foglie di ulivo

Foglie di ulivo

Vediamo come si fa

PREPARIAMO I

Fagioli di Monteporo in Foglie di ulivo

INGREDIENTI PER I FAGIOLIQUANTITA’
FAGIOLI DI MONTE PORO250 GR
POMODORI PACHINO2
AGLIO1
PEPERONCINO PICCANTEMETA’
SEDANO1 COSTA
OLIO EVO3 CUCCHIAI
SALE 

Fagioli di Monteporo in Foglie di ulivo

 

INGREDIENTI PER LA PASTAQUANTITA’
PASTA FAGLIE DI ULIVO160 GR
FORMAGGIO PECORINO GRAtTUGIATO50 GR
SALE 


COSA SERVE 

2 PENTOLE

 

 

PROCEDIMENTO

Mettete i fagioli a mollo per un palo di ore. Passato il Tempo lavateli e versateli in pentola ricoprendo d’acqua. Aggiungete i pomodorini, l’aglio sbucciato, il peperoncino, il sedano. Cuocete per mezz’ora, attenzione che l’acqua non si asciughi troppo durante la cottura, nel caso aggiungetene. Una volta cotti, salate e versare l’olio. Fate riposare per un’oretta. Mettete l’acqua a bollire, cuocete le foglie di ulivo, salate. Nel frattempo che cuoce la pasta, mettete a riscaldare i fagioli. A fine cottura scolate e unite i fagioli alle foglie di ulivo, aggiungete il formaggio pecorino grattugiato, amalgamate. Non vi resta che assaporare questo gustoso piatto genuino.

 

Fagioli di Monteporo in Foglie di ulivo

Fagioli di Monteporo in Foglie di ulivo

Bucatini con crema di noci e cavolfiore

Bucatini con crema di noci e cavolfiore

Ciao a tutti,  ricetta Bucatini con crema di noci e cavolfiore

INGREDIENTI PER DUE PORZIONI

INGREDIENTI PER LA CREMA DI NOCI

5 CUCCHIAI OLIO EVO

1 CUCCHIAIO FARINA 00

500 ML LATTE

200 GR NOCI SGUSCIATE

50 GR FORMAGGIO PECORINO

FORMAGGIO ASIAGO 50 GR

50 GR GRANA PADANO

INGREDIENTI PER LA COTTURA DEL CAVOLFIORE

300 GR CAVOLFIORE

1 CUCCHIAIO OLIO EVO

MEZZO CUCCHIAINO PEPE NERO

SALE

160 GR BUCATINI

COSA SERVE

2 Pentole – Tritatutto/Coltello – Frusta – Piatto fondo

PROCEDIMENTO

PREPARIAMO LA CREMA DI NOCI

  • Tritate le noci. Riducete il mix di formaggi.
  • In pentola versate l’olio, accendete il fuoco e unite la farina setacciandola, amalgamate con una frusta, fate imbiondire il composto.
  • Versate il latte lentamente e amalgamate a fuoco basso, spegnete quando il composto avra una consistenza fluida e cremosa. 
  • Unite alla crema il mix di formaggi. Amalgamate.
  • In ultimo unite il trito di noci.
  • Salate. 

PREPARIAMO IL CAVOLFIORE

  • Lessate il cavolfiore. Conservate l’acqua di cottura!
  • Cuocete i bucatini nell’acqua di cottura del cavolfiore. Salate
  • Scolate i bucatini unite il cavolfiore aggiungendo l’olio e il pepe nero.
  • Amalgamate con la crema di noci. 

Bucatini con crema di noci e cavolfiore

Bucatini con crema di noci e cavolfiore

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: