Italia i gialli assembramenti natalizi

Italia i gialli assembramenti natalizi

Ci hanno stretti lungo le cinta di casa come se avessimo un filo spinato ideale, per lunghi interminabili giorni;

Hanno tolto il lavoro, la consuetudine, il sorriso;

Ci hanno portato a desiderare tutto, tanto che siamo scesi in piazza al grido Libertà!

Non è servito a nulla!

L’attimo stesso in cui la privazione assuefà il senso di sproporzionalità del voler raggiungere ciò che non è possibile, ricadiamo nell’oblio dell’assembramento mentale, negli inferi della corsa capitalista, nel ricordo di dover correre dietro la vita!

Il più bel regalo di quest’anno non è il pacchettino sotto l’albero ma è l’essere fortunati a continuare a vivere non contraendo il virus.

Il più bel regalo che quest’anno ricevo è la consapevolezza al senso di Responsabilità sociale.

Rispettare se stessi vuol dire svegliarsi la mattina e condurre una vita che porti al miglioramento, non alla distruzione.

Il governo, ha portato quasi tutte le regioni ad essere gialle, ciò vuol dire avere un pò di respiro per noi stessi e per le attività commerciali che boccheggiano.

Ciò è sinonimo di miglioramento per la propria psicologia, è segno di positività, vuol dire arrivare al futuro vaccino meno pressati e sottoposti a chiusure.

La chiusura non è Conte e il suo dpcm, ma è la nostra vita, il nostro modo di essere. A Conte non fai il dispetto perchè ti ha chiuso, lui è ben messo nel suo recinto e anche ben pagato!

Quindi se ti ammali e muori, puoi essere un dato statistico, su cui erigere la sua politica nel suo mondo dorato.

Ancora una volta riversati in strada, per la fretta di prendersi un caffè: “finalmente al bar”, o un aperitivo seduti al freddo.

Non solo, negozi pieni! Perchè è Natale! Ma se scavi bene dentro te stesso, lo sai che tutto ciò che stai facendo non ha il senso degli altri anni, brucia di lacrime versate per tanti di noi.

E non dimentichiamo i giovani, con indosso il bagaglio di rinunce socio culturali. La privazione di dover rimanere chiusi sta portando alla rivolta del sistema ormai inesistente di regole, e si manifesta con atteggiamenti violenti e di estremismo di massa!

Un natale, che spera di arrivare al traguardo vaccini, ma prima passa dalla lunga coda della mensa dei poveri.

Questo natale che non vede allestire i mercatini natalizi, ma gazebo Covid-19 e ospedali da campo; un natale che ha montato le luminarie, ma di allegro ha solo il ricordo di voler tornare a brillare per sempre.

Ma noi esseri umani dobbiamo dimostrare che nulla ci dev’essere tolto e quindi usciamo e proviamo l’estremo!

Allora distinguiamo i soggetti tra: egoisti e altruisti. I primi limitano il proprio io al fine di se stesso traendo vantaggio da cagion altrui. I secondi sono coloro che in società non vengono accettati perchè troppo presi dal volere dare e comprendono che il fine di se stesso è cagion altrui.

Da ciò nasce la riflessione che, se questa società non inverte la rotta di pensiero e questa corsa all’onnipotenza non rallenta, non ci sarà un solo numero di migliaia di positivi, ma un numero esponenziale di negativi verso la vita.

Le immagini di ieri, 13 Gennaio, sono la mancanza estrema di rispetto a chi non c’è più.

Sono l’estremo atto di egoismo verso la classe medica. L’avete buttata nel cesso come fosse nulla.

Avete creato la terza ondata! E se per colpa vostra tanti bimbi o mamme e anziani rimarranno soli il giorno di Natale, non vi sentite in colpa, ma chiamatevi merde da soli!

Il rispetto nasce da se stessi!

Caro Diario a questo punto meglio chiusi che tra egoisti privi del senso della vita.

La Germania chiude la nazione, il picco dei contagi e dei deceduti è alto nonostante il sistema sanitario encomiabile decide di restringere le animate piazze. I divieti sono drastici tanto da vietare il brindisi caratteristico di incontro al vin Brulè, Gluehwein-Hopping! Ma la Germania gestisce un economia forte e ai suoi cittadini non manca il lavoro, non mancano gli aiuti concreti da parte dello Stato

In Italia a tutt’oggi sono state scritte tante righe di aiuti ma restano tali perchè i poveri si moltiplicano!

Quindi quando uscite di casa pensateci e fatelo con Responsabilità.

La maturità della mascherina – Diario di una quarantena

Potrebbero interessarti anche...

error: Contenuto protetto - Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: