La pelle e il sole – Protezione

Ciao, è iniziata la stagione – La pelle e il sole – Protezione

Conosciamo la pelle

La pelle o cute è una membrana che riveste la superficie del corpo. Il suo spessore è proporzionato alle parti del corpo, da 0.5 mm che rivestono le palpebre, a 5 mm che rivestano il piede.

E’ elastica e resistente ed è costituita da:

Epidermide strato esterno

Derma strato più profondo

EPIDERMIDE

Suddivisa in cinque strati, rappresenta il ciclo vitale delle cellule dal momento in cui si generano al momento in cui muoiono e rigenerate

 STRATO BASALE GERMINATIVO

STRATO SPINOSO

LO STRATO CORNEO a diretto contatto con l’ambiente esterno è costituito da cellule appiattite e prive di nucleo. Poste in superficie una volta morte vengono eliminate attraverso la desquamazione e sostituite da cellule nuove generate dallo strato più profondo dell’epidermide chiamato Strato germinativo, è così che parliamo di rigenerazione cellulare.

La pelle ci permette di avere una barriera protettiva contro gli attacchi esterni: ferite, traumi, batteri e radiazioni solari, ha la capacità di essere termoregolatore della temperatura. La pelle ci fà sentire la sensazione del tatto, del dolore.

Attraverso la pelle avviene la sintesi della vitamina D, quest’ultima viene accumulata dal corpo durante l’esposizione solare. E’ una grande riserva di calcio per le ossa.

Il colore della pelle è dato dal pigmento della melanina che protegge l’organismo dai raggi ultravioletti prodotti dal sole.  La melanina classifica la pelle secondo il fototipo, in parole semplici secondo il colore della pelle. Vengono classificati sei fototipi di pelle, dalla più chiara in cui la melanina è quasi assente e richiede una particolare attenzione all’esposizione solare, al fototipo VI detta pelle nere in cui la melanina si rigenera costantemente. Le cosiddette pelli bianche appartenenti al fototipo dal II al V si differenziano dall’intensità del colore della melanina.

Ora che conosciamo cos’è la pelle e quanto influenzi l’esposizione solare sul corpo, è facile capire che: per la pelle l’apporto di sole genera vitamina D e dà benessere alla pelle, aumentando la capacità di protezione della stessa. Nei casi di allergia viene consigliata l’esposizione solare anche nelle ore mediamente calde per aumentare l’apporto di melanina e vitamina nel corpo.

Per ogni azione però c’è un’effetto a cui stare attenti, i raggi ultravioletti prodotti dal sole sono : UVA e UVB.

I raggi UVA sono presenti sempre, penetrano fino al derma, e possono provocare alterazioni delle cellule: invecchiamento precoce cutaneo, macchie della pelle, tumori della pelle, allergie;

I raggi UVB raggiungono l’epidermide lo strato più esterno della pelle, sono i responsabili dell’abbronzatura e delle scottature, non vengono filtrati e si concentrano nell’orario dalle 12:00 alle 15:00, nei mesi da aprile a ottobre, anche per essi ci vuole la giusta prevenzioni per evitare effetti negativi alla pelle.

Quindi ambedue i raggi ultravioletti provocano sensibilizzazione della pelle. Ecco perché, dopo una prolungata esposizione solare, la pelle dà i suoi messaggi forti e chiari, si arrossa poiché i raggi hanno penetrato l’epidermide o raggiunto il derma. Fa male ovvero brucia, nei casi più estremi forma delle bolle d’acqua sul corpo, aumenta la sensazione di calore,  e diminuiscono le difese immunitarie, ecco la presenza del Herpes labiale. 

Quali consigli seguire per una corretta esposizione al sole?

Consigli per adulti

Possiamo abbronzarci correttamente anche senza far male alla pelle. Sfruttate le ore del mattino, il sole dalle 8:00 alle 12:00 abbronza e se volete intensificare il passaggio nella pelle dei raggi ultravioletti buttatevi in acqua spesso e volentieri, vi ricordo che i raggi UVB non vengono filtrati. Anche il pomeriggio possiamo approfittare per diventare color cioccolato, dalle 16:00 alle 21:00 approfittatene per una sana esposizione. Per colore che amano la tintarella nelle ore calde, alternate sole e acqua, ma lasciate sempre la testa all’ombra! Per le pelli con dermatite atopica questo tipo di esposizione sembrerà strano ma è ottima!

Consigli per i bambini

Portate a mare i bambini nelle ore dalle 07:00 alle 11:00 e nelle ore dalle 17:00 alle 21:00. 

I neonati dalla 19:00 alle 20:00

Quale protezione usare?

Che dirvi potrei fare tanti nomi di marche conosciute in profumeria e in farmacia, ma mi limito a consigliare la protezione secondo la fascia oraria:

PROTEZIONE 50  per la prima esposizione solare. Applicatela nei primi giorni, acquistate un prodotto resistente all’acqua.

PROTEZIONE 30 la consiglio anche dopo i 3 giorni di mare, la pelle ha preso confidenza con il sole

PROTEZIONE 20 per chi ha una pelle già abbronzata da diversi giorni

E’ rigoroso sottolineare che per i bambini ci vuole sempre la PROTEZIONE 50. Scegliete solari con la dicitura adatto per bambini! Non applicate i solari per adulti sui bimbi!

Che testura scegliere crema – olio o spray?

Per i bambini il consiglio maggiore è in crema, ma sapendo che difficilmente stanno fermi all’applicazione fornitevi di spray, ma massaggiate il prodotto fino al completo assorbimento, da scegliere il solare resistente all’acqua.

Per gli adulti dipende dal tipo di pelle

Pelle secca crema/olio per un maggiore assorbimento e idratazione

Pelle mista spray per un assorbimento del prodotto senza la sensazione untuosa

Consigli per affrontare l’esposizione solare

L’esposizione solare porta diverse conseguenze nell’organismo. Alcune delle quali sono la perdita di sali minerali, la carenza di magnesio e potassio, gli sbalzi di temperatura corporea. E’ per questo che dopo una prolungata esposizione solare è bene non buttarsi di getto in acqua, non bere bevande fredde, ma bagnarsi pian piano e restituire alla pelle i sali minerali persi attraverso la frutta.

Vi dirò che io amo tra i prodotti al di fuori dell’alimentazione l’acqua termale.

Basta vaporizzarne un pò e ridona il beneficio di equilibrio all’organismo durante i picchi di caldo.

Ne esistono tante in commercio, io vi consiglio  EAU THERMALE AVENE

ACQUA TERMALE

E’ l’acqua per eccellenza in natura con un ph 7.5, la sua firma minerale permette di essere anche bevuta, regola i picchi di calore e gli sbalzi di pressione. Portatela sempre con voi spruzzatela sul corpo e qualora il sole abbia arrossato la pelle usatela frequentemente.

Vi lascio il link per conoscere  di più AVENE ACQUA TERMALE

Sbagliando si impara, dalla mia esperienza do a voi il consiglio, in foto 1 la pelle arrossata in foto 2 la pelle scottata dopo una prolungata esposizione solare senza protezione! Bruciore, febbre, dolore

Tenete sempre con voi Tachipirina, un prodotto contro le ustioni a base di acido Jaluronico, e acqua termale

Createvi un budget per i solari!

2 Solari adulto e bambino + Doposole + acqua termale + tachipirina = 50 Euro

Fatemi sapere se questo budget lo raggiungete o superate

Sono convinta che se seguirete i miei consigli anche le spese pazze solari saranno ridotte!

Buona estate!

Vado a lenire il rossore….

Potrebbero interessarti anche...

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: