Regolamento sanitario internazionale – Fase 2 Dpcm 26 Aprile

Regolamento sanitario internazionale – Fase 2 Dpcm 26 Aprile

Per quanto riguarda l’ultimo Dpcm, abbiamo ascoltato e letto i chiarimenti del Governo riguardo alcuni punti essenziali che fanno parte del nostro legittimo e costituzionale diritto di libertà della persona, che, allo stato attuale viene e verrà vincolato qualora si dovesse prospettare lo schema che viene posto a Pagina 69-70 del Dpcm.

Scopriamo quali sono i poteri eccezionali/straordinari esecutivi in fase di pandemia del governo! Da chi sono previsti e in linea a quale regolamento. 

Partiamo da questo

Regolamento sanitario internazionale - Fase 2 Dpcm 26 Aprile

Regolamento sanitario internazionale – Fase 2 Dpcm 26 Aprile

Regolamento sanitario internazionale - Fase 2 Dpcm 26 Aprile

Regolamento sanitario internazionale – Fase 2 Dpcm 26 Aprile

In questo momento in cui si discute giustamente sul senso delle parole: “Congiunti – Spostamento”, ci dobbiamo soffermare anche sul concetto di “Monitoraggio del Rischio Sanitario”.

Non dimentichiamo che tutto ciò che ruota intorno alle decisioni del governo e della task force, trova disciplina attraverso:

Organizzazione mondiale della sanità – Organizzazione intergovernativa che fa parte delle Nazioni Unite

Che cos’è?

L’Organizzazione che nasce con l’obiettivo di: fare raggiungere ai popoli della terra il maggior livello di salute possibile

Funzioni:

  • Contribuire all’eradicazione o eliminazione di malattie
  • Assistere i governi, quando lo richiedano, nel migliorare i servizi
    sanitari
  • Fornire informazioni, consigli ed assistenza nell’ambito della sanità
  • Promuovere politiche per migliore nutrizione, igiene, ambiente,
    condizioni di lavoro
  • Proporre accordi e convenzioni internazionali in ambito sanitario
  • Definire norme internazionali su prodotti biologici, farmaceutici,
    destinati all’alimentazione
  • Promuovere ed indirizzare la ricerca medica
  • Realizzare e sostenere alcuni servizi amministrativi e tecnici (es:
    epidemiologia, statistica)
  • Informare correttamente l’opinione pubblica

E’ composta da:

192 Stati Membri
Quartier Generale (HQ) : Ginevra –

3 Organi principali:

  • Assemblea Mondiale della Sanità
  • Consiglio Esecutivo Rende effettive le decisioni e le politiche dell’Assemblea Mondiale, fornisce consigli tecnici e generalmente facilita il lavoro di questa
  • Segretariato: composto da circa 3500 esperti nel campo sanitario ed in altri
    campi, con staff di supporto, operante a livello di HQ, negli uffici regionali e negli Stati membri

6 Regioni

  • Comitato Regionale
  • Ufficio Regionale

Articoli che della costituzione del OMS forniscono le basi dello strumento del Regolamento Sanitario internazionale:

  • Articolo 21 della Costituzione dell’OMS L’Assemblea Mondiale della Sanità ha l’autorità di adottare regolamenti concernenti: Richieste sanitarie o quarantenarie ed altre procedure studiate allo scopo di prevenire la diffusione internazionale delle malattie
  • Articolo 22 della Costituzione dell’OMS: I regolamenti adottati sulla base dell’articolo 21 entrano in vigore per tutti gli Stati membri dopo debita comunicazione della loro adozione da parte dell’Assemblea Mondiale della Sanità, con l’eccezione di coloro che presentano, nei tempi dovuti, riserve o respingimenti

Regolamento Sanitario Internazionale

Che cos’è? 

E’ uno strumento giuridico internazionale che si prefigge di “garantire la massima
sicurezza contro la diffusione internazionale delle malattie, con la minima interferenza possibile sul commercio e sui movimenti internazionali, attraverso il rafforzamento della sorveglianza delle malattie infettive mirante ad identificare, ridurre o eliminare le loro fonti di infezione o fonti di contaminazione, il miglioramento dell’igiene aeroportuale e la prevenzione della disseminazione di vettori.

Di seguito la lettura di alcuni articoli che costituiscono il Regolamento Sanitario Internazionale 

Parte I – Articolo 3 – Principi


1. L’implementazione del presente Regolamento deve avvenire nel pieno rispetto della dignità, dei diritti e delle libertà fondamentali dell’uomo.
2. L’implementazione del presente Regolamento deve essere guidata dalla Carta delle Nazioni Unite e dalla Costituzione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
3. L’implementazione del presente Regolamento deve avere come obiettivo la sua applicazione universale al fine di proteggere l’umanità dalla diffusione internazionale di malattie.
4. Gli Stati godono, ai sensi della Carta delle Nazioni Unite e dei principi del diritto internazionale, del diritto sovrano di legiferare e di implementare legislazione in accordo con le loro politiche sanitarie. Nel fare ciò, dovrebbero appoggiare lo scopo del presente Regolamento

Posta la conoscenza di ciò che ci tutela, possiamo analizzare lo schema contenuto nel dpcm. Noteremo come, la Fase 1 e Fase 2 varia secondo l’analisi dei valori seguenti: 

  • Trasmissione del contagio
  • Restringimento delle libertà della persona 
  • Capienza nei presidi ospedalieri
  • Quarantena,
  • Reperibilità dei soggetti 
  • Tamponi – Test sierologici

Ad oggi il percorso della pandemia ha superato lo step della Fase 1 per giungere alla Fase 2A –  Transizione iniziale.

Se manterremo costanti i parametri sopra scritti alla base del RSI, passeremo alla Fase 2B – Transizione avanzata.

Da questa Fase 2B, il passo verso il vaccino è breve, conseguente sarà il Passaggio di mantenimento Fase 3 – Ripristino – Fine della Pandemia. Caso contrario si ritornerà indietro.

In alcuni momenti ci siamo chiesti perchè i voli continentali e intercontinentali non venissero chiusi. La Cina dà il messaggio dell’allarme di contaminazione, restringe il popolo in lock down. Dall’altro lato, il resto delle nazioni, avrebbero dovuto chiudere qualunque collegamento ed evitare la diffusione. Ma non è stato fatto, in sinergia ogni nazione ha preferito seguire una propria strada e Covid- 19 si è diffuso, creando la Pandemia.

Oggi il dpcm riapre i punti di ingresso. Cerchiamo di capire che regole segue il nostro esecutivo per aprire e chiudere i punti di ingresso.

Regolamento Sanitario Internazionale 2005
Allegato 1: capacità essenziali di sorveglianza e risposta Livello NAZIONALE – Capacità di risposta

  • Determinare rapidamente le misure di controllo richieste per evitare una diffusione nazionale e internazionale.
  • Fornire supporto tramite personale specializzato, analisi di laboratorio di campioni, e assistenza logistica ;
  • Fornire assistenza sul posto, quando richiesta per completare le indagini
    locali;
  • Fornire un collegamento operativo diretto con funzionari di sanità pubblica
    con esperienza e altri ufficiali per approvare rapidamente e implementare misure di controllo e contenimento;
  • Fornire un legame diretto con altri ministeri competenti ;
  • Fornire, tramite il più efficiente mezzo di comunicazione disponibile, collegamenti con ospedali, cliniche, aeroporti, porti, attraversamenti terrestri, laboratori e altre aree operative chiave per la diffusione di informazioni e raccomandazioni ricevute dall’OMS relativamente agli eventi nel territorio dello Stato Parte e nei territori di altri Stati Parti;
  • Istituire, porre in atto e mantenere un piano nazionale di risposta ad emergenze sanitarie, includendo la creazione di gruppi multidisciplinari/multisettoriali con il compito di rispondere ad eventi che possano costituire un’emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale; e FORNIRE QUANTO DETTO IN PRECEDENZA 24 ORE SU 24.

C’è un’altro aspetto che ci appassiona e a cui fà capo il RSI e che chiarisce alcuni aspetti sulla mobilità territoriale in termini di raccomandazioni. Articolo 17 Criteri per le raccomandazioni

a) i punti di vista degli Stati Parti direttamente interessati;
b) il parere del Comitato di Emergenza o del Comitato di Revisione, a seconda del caso;
c) i principi scientifici nonché le prove e le informazioni scientifiche
disponibili;
d) misure sanitarie che, sulla base di una valutazione del rischio adeguata alle circostanze, non siano più restrittive del traffico e del commercio internazionale e più intrusive per le persone rispetto ad alternative ragionevolmente disponibili che
permetterebbero di raggiungere il livello adeguato di protezione
sanitaria;
e) normative e strumenti internazionali attinenti;
f) attività intraprese da altre organizzazioni intergovernative ed enti internazionali competenti;
g) altre informazioni adeguate e specifiche relative all’evento

Articolo 18 Raccomandazioni relative a persone, bagagli, carico,
container, mezzi di trasporto, merci e pacchi postali
Per le persone

a) non si consigliano misure sanitarie specifiche;
b) verifica della storia di viaggi nelle aree affette;
c) verifica dell’esame medico e delle analisi di laboratorio;
d) richiesta di esami medici;
e) verifica di prova di vaccinazioni o altra profilassi;
f) richiesta di vaccinazioni o altra profilassi;
g) osservazione di sanità pubblica di persone sospette;
h) quarantena o altre misure di sanità pubblica per persone sospette;
i) isolamento e terapia, quando necessari, per le persone affette;
j) individuazione dei contatti delle persone affette o sospette;
k) rifiuto dell’ingresso di persone affette o sospette;
l) rifiuto dell’ingresso di persone non affette in aree affette; e
m) screening in uscita e/o restrizioni su persone provenienti da aree
affette

Abbiamo ora un quadro chiaro e delineato di chi ci tutela: OMS

di chi ci regola: RSI e

di chi esegue: il Governo.

Ecco, il perchè forse, ma non motivato, sulla distinzione in gruppi di appartenenza come in matematica tra: insiemi e sottoinsiemi. L’insieme A emigra dall’insieme B composto da termini ricavati da A.

Il ceppo di famiglia è facilmente riconducibile qualora tu sia positivo, diversamente se si tratta di contatto tra amici!

Ho imparato nel corso degli anni che l’essere umano è decifrato a numeri, se lavori sei un numero, se studi idem, se vai al supermercato anche, qui hanno fatto lo stesso. Non vi aspettate umanità!

Naturalmente per noi civili mortali rappresenta, privazione! E’ vero anche che, razionalmente dal punto di vista scientifico è più sicuro. Consiglio al presidente Conte anziché allungare su, emerite didascalie poetiche, di spiegare al popolo come e perchè delle decisioni dell’esecutivo! Altrimenti sembra che sia frutto di una mente diabolica atta a voler condizionare il popolo, per alcuni versi, è vero lo sia. Non tutto è fatto secondo coscienza democratica! 

In altre nazioni l’apertura è stata motivata dal voler affrontare il virus. In Italia ci si apre a settori. Il virus però non guarda se sei un lavoratore autonomo o un impiegato o imprenditore, guarda il modo di protezione con cui lo affronti! Dispositivi sanitari, Ospedali sull’intero territorio nazionale con percorso covid, disciplina delle regole sanitarie di prevenzione! Tutto questo è presente solo nel 60 percento del territorio nazionale, il restante se la cava! Ecco perchè le differenze e le tensioni tra nord e sud! Se lo stato non sa mappare i territori, converrebbe prima di decretare, fare una analisi approfondita e dare competenza regionale, così eviteremo gli episodi spiacevoli che viviamo in regioni come: Lombardia, Veneto, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia. Molte volte l’autonomia delle regioni non è un presupposto politico ma un fondamento al bene dei cittadini. L’Italia da secoli è divisa e il governo la taglia ancora di più con decreti che favoriscono le zone del nord ad espansione industriale avanzata, sfavorendo il sud dei piccoli imprenditori, artigiani e coltivatori diretti!

Ricordo al Presidente Conte le sue dichiarazioni

Se riparte il Sud, riparte l’Italia intera; ed è con questo spirito, con questa convinzione che muoviamo e ci disponiamo a realizzare l’agenda di governo sul tema della coesione nazionale.

Il resto del decreto ottempera le seguenti regole come da conferenza stampa del Presidente del Consiglio Conte:

Per quanto riguarda gli spostamenti, questi saranno possibili all’interno di una stessa Regione per motivi di lavoro, di salute, necessità o visita ai parenti; gli spostamenti fuori Regione saranno invece consentiti per motivi di lavoro, di salute, di urgenza e per il rientro presso propria abitazione.

Obbligatorio l’utilizzo delle mascherine sui mezzi pubblici.

Sarà consentito l’accesso ai parchi pubblici rispettando la distanza e regolando gli ingressi alle aree gioco per bambini, fermo restando la possibilità da parte dei Sindaci di precludere l’ingresso qualora non sia possibile far rispettare le norme di sicurezza.

Per quanto riguarda le cerimonie religiose, saranno consentiti i funerali, cui potranno partecipare i parenti di primo e secondo grado per un massimo 15 persone. Inoltre, già nei prossimi giorni si studierà un protocollo che consenta quanto prima la partecipazione dei fedeli alle celebrazioni liturgiche in condizioni di massima sicurezza.

Previste regole più stringenti per chi ha febbre sopra i 37.5 gradi e sintomatologie respiratoria: obbligo di restare a casa e avvertire il proprio medico.

Per quanto riguarda le attività di ristorazione, oltre alla consegna a domicilio, sarà consentito il ritiro del pasto da consumare a casa o in ufficio.

A partire dal 4 maggio potranno quindi riprendere le attività manifatturiere, di costruzioni, di intermediazione immobiliare e il commercio all’ingrosso. Per queste categorie, già a partire dal 27 aprile sarà possibile procedere con tutte quelle operazioni propedeutiche alla riapertura come la sanificazione degli ambienti e per la sicurezza dei lavoratori .

Per consentire una graduale ripresa delle attività sportive, a partire dal 4 maggio saranno consentite le sessioni di allenamento a porte chiuse degli atleti di sport individuali.

link per visualizzare il decreto fonte sito Governo DPCM 26 APRILE 2020 

Scarica la nuova autocertificazione prevista dal Dpcm 

File name : nuovo_modello_autodichiarazione_editabile_maggio_2020.pdf

Di seguito l’ordinanza del Commissario Arcuri che fissa il prezzo delle mascherine a 0,50 centesimi. E’ vergognosa la ribellione dei farmacisti. Le mascherine anzi tempo costavano 0,09 centesimi! Il guadagno c’è!

Link per visualizzare Ordinanza n. 11/2020 del Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19

Proteggetevi sempre e lottate per ciò che avete costruito in passato. Pensate sia una continuazione differente ma pur sempre continuità. Non è un ricominciare è un continuare! La mente è intrappolata da frasi “Andrà tutto bene”. Andrà secondo percorso storico. In funzione di ciò che ricostruisco lotto per il mio futuro! Rimanete sempre con i piedi per terra e non pensate che tutto ciò che ci viene detto sia completamente la realtà, scavate su tutto. 

Grazie per aver letto,

se avete domande a destra il tasto della chat o scrivetemi a

gsartecucina@icloud.com

A presto

gsartecucina

Ciao benvenuti in gsartecucina . Buona lettura tra ricette tradizionali e attualità. Sfoglia il menù. Porta in cucina il blog, lo troverai nel "Il tuo quaderno di cucina" Il racconto di ricette aggiornato sempre con il blog. Buona lettura.

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: